FONDO 394 SIMEST LINEA CERTIFICAZIONI E CONSULENZE - RETE EEN

 

in collaborazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FONDO 394 SIMEST

LINEA CERTIFICAZIONI E CONSULENZE - RETE EEN

 

La linea di intervento “Consulenze e certificazioni” è una delle novità presenti nella nuova operatività dei finanziamenti Simest a supporto delle aziende per l’acquisto di servizi utili a crescere sui mercati esteri, come consulenze specialistiche, studi di fattibilità e formazione per l’internazionalizzazione e per l’innovazione digitale, tecnologica di prodotto.

Questa linea di finanziamento sostiene anche l’ottenimento di certificazioni di prodotto per la tutela di diritti di proprietà intellettuale, di certificazioni di sostenibilità e innovazione tecnologica.

Per presentare la domanda non è più necessario il requisito del fatturato estero con una soglia minima come in passato.

Lo sportello per la presentazione dei progetti di investimenti si è aperto giovedì 27 luglio con una dotazione di 4 miliardi.

Chi può presentare la domanda
Possono presentare domanda di intervento finanziario le imprese che abbiano sede legale in Italia e abbiano depositato presso il registro delle imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

Spese ammissibili

Sono ammissibili progetti di internazionalizzazione aventi ad oggetto:
1) consulenze specialistiche e studi di fattibilità per l’internazionalizzazione dell’impresa, inclusa la formazione relativa a tematiche di export e internazionalizzazione, e/o per l’innovazione digitale, tecnologica, di prodotto nell’ottica dell’internazionalizzazione dell’attività d’impresa. Detti progetti devono essere regolati tramite il supporto esclusivo di società di consulenza terze;
2) l’ottenimento di certificazioni di prodotto, per la tutela di diritti di proprietà intellettuale, di certificazioni di sostenibilità e innovazione tecnologica. Questi progetti possono essere realizzati direttamente dall’impresa oppure per il tramite di società di consulenza.

La domanda di intervento agevolativo può riguardare massimo tre paesi di destinazione.

Le prestazioni professionali o i servizi consulenziali devono essere regolati da contratti di consulenza e riguardare le seguenti spese:

  • consulenze per indagini e studi di fattibilità per l’internazionalizzazione finalizzate all’individuazione, allo sviluppo e al rafforzamento della presenza sui mercati esteri di interesse;
  • formazione per export/internazionalizzazione: spese per la formazione del management e/o del personale della società richiedente relative alle iniziative di export e internazionalizzazione;
  • consulenze per innovazione tecnologica e di prodotto relative ai processi produttivi e alla sostenibilità ambientale;
  • certificazioni di prodotto e di sostenibilità ambientale: spese per l’innovazione/adeguamento di prodotto e/o servizio o altre spese finalizzate all’ottenimento di certificazioni internazionali; spese per ottenimento delle licenze di prodotti e/o servizi, registrazione di marchi o altre forme di tutela del made in Italy; spese per consulenze propedeutiche all’ottenimento delle certificazioni;
  • spese di supporto al progetto, fino ad un massimo del 20% dell'importo totale di investimento rendicontato: spese di viaggio e soggiorno da parte degli amministratori dell’impresa richiedente; spese di viaggio e soggiorno (incoming) di potenziali partner locali (esclusa la clientela);
  • spese consulenziali professionali per le verifiche di conformità alla normativa ambientale nazionale;
  • spese per consulenze finalizzate alla presentazione e gestione della richiesta di per un valore fino a un massimo del 5% dell’importo di finanziamento deliberato.

 

 

 

Per informazioni rivolgersi all'Associazione degli Industriali della Sardegna Centrale
Referente: Luigi Ledda RETE EEN LOCAL POINT 
Telefono: 0784 233313
Fax: 0784 233301
E-mail: segreteria@assindnu.it
Modifica Visualizzazione: Mobile Version | Standard Version